Tumore al polmone: valutazione geriatrica multidimensionale
Controversies in Genitourinary Tumors
Paziente Anziana con Carcinoma Mammario

Tumore del rene: trattamento chirurgico


La chirurgia è il trattamento primario nella maggior parte dei tumore del rene. L’obiettivo della chirurgia è quello di rimuovere la parte tumorale. Esistono diversi tipi di interventi chirurgici per il tumore del rene. Il tipo e il grado di chirurgia dipendono da molti fattori e dalla diffusione del tumore.

I principali tipi di interventi chirurgici impiegati per trattare il tumore al rene sono:

A) Nefrectomia parziale

La nefrectomia parziale è una chirurgia che rimuove solo il tessuto neoplastico. È anche chiamata chirurgia a risparmio di nefrone o a risparmio di rene. Il rene può ancora funzionare anche dopo rimozione di una sua parte, quindi un beneficio della nefrectomia parziale è che preserva la funzione renale. Questa chirurgia è ideale per i pazienti che hanno o sono a rischio di ridotta funzione renale ( persone con un solo rene, limitata funzione renale, o tumori in entrambi i reni ).

La nefrectomia parziale è spesso impiegata solo per il tumore del rene in stadio precoce, quando il tumore è piccolo ed è localizzato solo nel rene. Questo intervento è il trattamento preferito per tumori molto piccoli, non più ampi di 4 cm. Può anche essere impiegata per trattare piccoli tumori fino a 7 cm.

Per la maggior parte dei piccoli tumori, una nefrectomia parziale può rimuovere tutto il tessuto neoplastico con buoni risultati nel lungo periodo.

L’abilità del chirurgo e la sua esperienza sono elementi fondamentali, poiché la nefrectomia parziale è una tecnica molto più complessa rispetto all’approccio radicale. La nefrectomia parziale deve essere applicata solo quando l’intero tumore può essere rimosso con sicurezza, lasciando la parte sana del rene intatta.

Esistono alcuni rischi per la salute ed effetti indesiderati con qualsiasi tipo di chirurgia. Alcuni possibili effetti collaterali della nefrectomia parziale comprendono: infezioni, sanguinamento, dolore a causa delle ferite chirurgiche e incontinenza urinaria.

B) Nefrectomia radicale

La nefrectomia radicale è una chirurgia che rimuove l’intero rene. Questa chirurgia può anche rimuovere le ghiandole surrenali e i linfonodi vicini. La quantità di tessuto rimosso dipende dalla estensione del tumore.

La chirurgia per rimuovere le ghiandole surrenali è denominata adrenalectomia ( anche nota come surrenectomia ). Le ghiandole surrenali, che si trovano alla sommità dei reni, possono essere rimosse se il tumore è vicino alla parte alta del rene dove sono situate le ghiandole stesse.

La chirurgia per rimuovere i linfonodi adiacenti è chiamata dissezione linfonodale. La dissezione dei linfonodi non è eseguita spesso come parte della nefrectomia radicale standard. I linfonodi adiacenti possono essere rimossi se risultano aumentati di volume all’esame fisico o all’imaging.

Se il tumore è cresciuto all’interno della vena renale e della vena cava, è necessario aprire e operare all’interno delle vene per rimuovere tutto il tumore. Il cuore deve essere arrestato per un breve periodo per la chirurgia della vena cava. Mentre il cuore è fermo, viene impiegata una macchina cuore-polmone per permettere la circolazione. Questa è una procedura complessa e molto difficile, e dovrebbe essere eseguita solo da chirurghi esperti.

Esistono diverse tecniche per eseguire la nefrectomia radicale. Alcuni possibili effetti indesiderati associati alla nefrectomia radicale comprendono: infezioni, sanguinamento, dolore causato dalle ferite chirurgiche e ridotta funzionalità renale. La nefrectomia radicale aumenta nel tempo il rischio di malattia renale cronica.

C) Nefrectomia citoriduttiva

La nefrectomia citoriduttiva è un intervento chirurgico che serve a rimuovere l’intero rene affetto da un tumore primario in presenza di malattia metastatica. Con malattia metastatica si intende un tumore che si è diffuso nell’organismo e ha dato vita a nuovi tumori. In presenza di molte metastasi non è possibile la rimozione con la sola chirurgia.

L’obiettivo della chirurgia citoriduttiva è quello di ridurre la quantità di tumori nell’organismo. La nefrectomia è seguita da trattamento farmacologico. La rimozione del tumore primario può facilitare il successivo trattamento.

D) Metastasectomia

La metastasectomia è una chirurgia che rimuove i tumori originati dalle metastasi, che si formano lontano dal tumore primario. Questa chirurgia può essere utilizzata quando il tumore primario viene completamente rimosso e rimane una sola metastasi.

Per l’eliminazione chirurgica delle metastasi ha un ruolo importante la localizzazione della metastasi stesse. Questo approccio è elettivo per le metastasi a cervello, ossa e polmoni.

La metastasectomia può essere eseguita nello stesso momento in cui si esegue la rimozione chirurgica del tumore primario, oppure può essere eseguita come intervento separato. ( Xagena2017 )

Fonte: NCCN Guidelines for Patients Kidney Cancer, 2017

Onco2017 Uro2017 Nefro2017 Chiru2017



Indietro