Cortinovis SCLC 2021
Roche Oncologia
Oncologia Morabito
Tumore prostata

Efficacia della terapia CAR-T nei pazienti più giovani con glioma diffuso della linea mediana


I risultati dello studio hanno dimostrato che i pazienti più giovani con glioma diffuso della linea mediana hanno sperimentato un miglioramento clinico prolungato dopo aver ricevuto una terapia sperimentale con cellule CAR-T.

I dati aggiornati dello studio di fase 1 presentati alla riunione dell'American Association for Cancer Research ( AACR ) hanno mostrato che i pazienti hanno sperimentato periodi di miglioramento radiografico e clinico dopo aver ricevuto dosi multiple del trattamento.
È una delle prime terapie con cellule CAR-T a mostrare un beneficio duraturo nei pazienti con tumori solidi.

I ricercatori hanno inizialmente aspettato che si verificasse la progressione della malattia prima di fornire dosi aggiuntive ai pazienti.
Un anno dopo, questa strategia è passata a dosi aggiuntive a una media di 6 settimane di distanza ( intervallo, 4-8 ) tramite somministrazione ventricolare intracerebrale direttamente nel liquido del sistema nervoso centrale.
Sono stati anche trattati pazienti al livello di dose 2, che ha triplicato la dose endovenosa iniziale a 3 milioni di cellule/kg.

La nuova terapia con cellule CAR-T sviluppata dal gruppo della Stanford University ha come bersaglio il disialoganglioside GD2, un glicolipide che si trova sulla membrana superficiale delle cellule nervose ed è altamente espresso nei gliomi con mutazione in H3K27M.
Le cellule sono prodotte in loco utilizzando il sistema a circuito chiuso CliniMACS Prodigy di Miltenyi Biotec.

Sono stati arruolati 13 pazienti ( età mediana, 14 anni; range 4-30 ) nello studio monocentrico di fase 1 di incremento della dose.
Undici pazienti hanno ricevuto il trattamento sperimentale, inclusi 8 pazienti al livello di dose 2.

I pazienti inizialmente hanno ricevuto dosi per via endovenosa, e successivamente hanno ricevuto dosi successive tramite somministrazione intracerebroventricolare.

Tre pazienti trattati a livello di dose 2 hanno manifestato tossicità dose-limitante sotto forma di sindrome da rilascio di citochine di grado 4.
Tutti i pazienti hanno presentato risoluzione dei sintomi utilizzando metodi di cura standard.
Non si sono verificate tossicità dose-limitanti per i pazienti trattati al livello di dose 1.
I sintomi della sindrome a rilascio di citochine hanno avuto esordio precoce tra i pazienti trattati al livello di dose 2 ( mediana, 3 versus 7 giorni ).
Nessun paziente dello studio ha sviluppato sindrome da rilascio di citochine di alto grado dopo la somministrazione intracerebroventricolare di CAR-T GD2-diretto.

Tutti i pazienti trattati con entrambi i livelli di dose hanno manifestato sintomi di neurotossicità associata all'infiammazione tumorale ( TIAN ) che si sono risolti con la somministrazione di Anakinra, o una combinazione di drenaggio del liquido cerebrospinale e Desametasone.

La somministrazione intracerebroventricolare ha un profilo di sicurezza superiore perché ha prodotto citochine proinfiammatorie limitate nel sangue periferico.
E' stata riscontrata un'infiammazione locale nel liquido cerebrospinale dopo somministrazione intracerebroventricolare rispetto all'infiammazione sistemica in tutto il corpo quando la terapia CAR-T viene somministrata per via endovenosa.

Dei 10 pazienti disponibili per la valutazione di follow-up dell'efficacia del trattamento, 9 hanno mostrato evidenza di miglioramento radiografico o clinico dei sintomi dopo infusione endovenosa di CAR-T GD2-diretto.

Quattro pazienti che hanno dimostrato benefici clinici e radiografici dalla terapia sono ancora in trattamento con infusioni intracerebroventricolari alla data limite dello studio.
Due pazienti hanno mostrato una riduzione superiore al 95% del volume del tumore risultante dal trattamento. ( Xagena2022 )

Fonte: American Association for Cancer Research ( AACR ) Annual Meeting, 2022

Neuro2022 Onco2022 Med2022



Indietro