Cortinovis SCLC 2021
Oncologia Morabito
Roche Oncologia
Tumore prostata

Gli anticoagulanti orali diretti riducono la recidiva di tromboembolismo venoso associato al cancro


Gli anticoagulanti orali diretti ( DOAC ) hanno ridotto significativamente il rischio di recidiva di tromboembolismo venoso associato al cancro rispetto alla Dalteparina ( Fragmin ) tra i pazienti oncologici.

Lo studio CLOT aveva stabilito che la terapia anticoagulante da preferire per il tromboembolismo venoso associato al cancro è l'Eparina a basso peso molecolare.
Tuttavia, secondo i ricercatori della Mayo Clinic di Rochester ( Minnesota, USA ), la terapia con Eparina a basso peso molecolare presenta degli svantaggi, come fastidio al sito di iniezione, ecchimosi ed ematomi. Può avere un impatto negativo sulla qualità di vita, che si traduce in una scarsa compliance.

Gli anticoagulanti DOAC sono stati confrontati con l'Eparina a basso peso molecolare per il trattamento del tromboembolismo venoso associato al cancro in molteplici studi clinici.

Nel 2019 è stata pubblicata una meta-analisi che aveva riassunto i dati riguardanti il trattamento del tromboembolismo venoso associato al cancro.
Lo studio Caravaggio del 2020 ha fornito dati aggiuntivi per Apixaban ( Eliquis ).

I ricercatori della Mayo Clinic hanno valutato la sicurezza e l'efficacia dei vari anticoagulanti DOAC tra 2.894 pazienti con tromboembolismo venoso cancro-associato in quattro studi clinici randomizzati e controllati.

I risultati hanno mostrato che l'uso degli anticoagulanti DOAC ha ridotto significativamente gli eventi di tromboembolismo venoso ricorrenti rispetto alla Dalteparina ( odds ratio, OR = 0.59; IC 95%, 0.41-0.86 ) mentre non ha aumentato significativamente gli eventi emorragici maggiori ( OR = 1.34; IC 95%, 0.83-2.18 ).

Il confronto dei trattamenti ha rivelato che Apixaban ( OR = 0.41; IC 95%, 0.16-0.95 ) e Rivaroxaban ( OR = 0.58; IC 95%, 0.37-0.9 ) hanno ridotto significativamente la recidiva di eventi di tromboembolismo venoso rispetto alla Dalteparina.
Tuttavia, Edoxaban ( Lixiana ) ha aumentato significativamente i sanguinamenti maggiori rispetto a Dalteparina ( OR = 1.73; IC 95%, 1.04-3.16 ) e Rivaroxaban ( Xarelto ) ha aumentato significativamente i sanguinamenti non-maggiori clinicamente rilevanti rispetto a Dalteparina e altri anticoagulanti DOAC.

Non sono state osservate differenze tra gli anticoagulanti DOAC per quanto riguarda la recidiva di tromboembolismo venoso e le emorragie maggiori.

Tutti gli anticoagulanti DOAC ( Apixaban, Rivaroxaban, Edoxaban ) hanno mostrato un'efficacia migliore rispetto alla Dalteparina, ma solo Apixaban è apparso essere associato a una minore incidenza di eventi di sanguinamento.

Secondo i ricercatori, gli anticoagulanti DOAC sono stati considerati lo standard di cura per il trattamento del tromboembolismo venoso nei pazienti senza cancro; l'attuale analisi ha indicato che lo stesso vale per i pazienti oncologici. ( Xagena2022 )

Fonte: Mayo Clinic Proceedings, 2022

Emo2022 Onco2022 Farma2022


Indietro