Oncologia Morabito
Cortinovis SCLC 2021
Roche Oncologia
Tumore prostata

Irradiazione craniospinale con protoni rispetto a radioterapia fotonica dei campi coinvolti per i pazienti con metastasi leptomeningee di tumore solido


La radioterapia fotonica del campo coinvolto ( IFRT ) è la radioterapia standard per i pazienti con metastasi leptomeningee ( LM ) da tumori solidi.
Si è determinato se l'irradiazione craniospinale con protoni ( pCSI ) che comprende l'intero sistema nervoso centrale si traduca in una sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) del sistema nervoso centrale superiore rispetto alla radioterapia del campo coinvolto.

È stato condotto uno studio randomizzato di fase II irradiazione craniospinale con protoni rispetto a radioterapia del campo coinvolto in pazienti con tumore polmonare non-a-piccole cellule e tumore mammario con metastasi leptomeningee.
Sono stati arruolati pazienti con altri tumori solidi in un gruppo esplorativo di irradiazione protonica craniospinale.

Per i gruppi randomizzati, i pazienti sono stati assegnati, stratificando per istologia e stato di malattia sistemica, a irradiazione craniospinale con protoni o radioterapia del campo coinvolto.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) a livello del sistema nervoso centrale.
Gli endpoint secondari includevano la sopravvivenza globale ( OS ) e gli eventi avversi correlati al trattamento ( TAE ).

Tra aprile 2020 e ottobre 2021, 42 e 21 pazienti sono stati assegnati in modo casuale rispettivamente a irradiazione protonica craniospinale e radioterapia del campo coinvolto.
All'analisi ad interim pianificata, è stato osservato un beneficio significativo nella sopravvivenza libera da progressione a livello del sistema nervoso centrale con irradiazione protonica craniospinale ( mediana 7.5 mesi ) rispetto a radioterapia del campo coinvolto ( 2.3 mesi; P minore di 0.001 ).

È stato anche osservato un beneficio di sopravvivenza globale con irradiazione craniospinale con protoni ( 9.9 mesi ) rispetto a radioterapia del campo coinvolto ( 6.0 mesi; P=0.029 ).

Non c'è stata differenza nel tasso di eventi avversi correlati al trattamento di grado 3 e 4 ( P=0.19 ).
Nel gruppo esplorativo di irradiazione craniospinale di protoni, con 35 pazienti arruolati, la sopravvivenza libera da progressione a livello del sistema nervoso centrale mediana è stata di 5.8 mesi e la sopravvivenza globale è stata di 6.6 mesi.

Rispetto alla radioterapia fotonica del campo coinvolto, si è riscontrato che l’irradiazione craniospinale con protoni ha migliorato la sopravvivenza libera da progressione e la sopravvivenza globale a livello del sistema nervoso centrale per i pazienti con tumore polmonare non-a-piccole cellule e tumore mammario con metastasi leptomeningee senza aumento di eventi avversi gravi correlati al trattamento, ( Xagena2022 )

Yang JT et al, J Clin Oncol 2022; 40: 3858-3867

Onco2022



Indietro