Cortinovis SCLC 2021
Roche Oncologia
Oncologia Morabito
Tumore prostata

L'associazione Durvalumab e Oleclumab o Monalizumab migliora la risposta e la sopravvivenza libera da progressione rispetto alla monoterapia con Durvalumab nel tumore al polmone non-a-piccole cellule


Oleclumab e Monalizumab combinati separatamente con Durvalumab ( Imfinzi ) hanno mostrato tassi di risposta obiettiva ( ORR ) e sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) favorevoli rispetto al solo Durvalumab nei pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) di stadio III non-resecabile.

I pazienti sono stati randomizzati secondo un rapporto 1:1:1 a ricevere Durvalumab più Oleclumab ( n = 59; braccio A ), Durvalumab più Monalizumab ( n = 61; braccio B ) o solo Durvalumab ( n = 66; gruppo di controllo ).

Il tasso di risposta obiettiva confermato nel braccio Oleclumab è stato del 30.0% ( n = 18 responder; IC 95%, 18.8-43.2% ) versus 35.5% ( n = 22 responder; IC 95%, 23.7-48.7% ) braccio Monalizumab vs 17.9% ( n = 12 responder; IC 95%, 9.6-29.2% ) nel braccio controllo.

COAST è uno studio di fase II che ha arruolato 189 pazienti di cui 186 trattati con almeno 1 dose di Durvalumab.

I pazienti idonei erano gli adulti con tumore NSCLC in stadio III non-resecabile istologicamente o citologicamente documentato, senza progressione, dopo chemioradioterapia simultanea definitiva a base di Platino, completata entro 42 giorni prima dell'assegnazione casuale.
I pazienti dovevavno avere almeno 1 lesione tumorale irradiata in precedenza misurabile secondo i criteri RECIST v1.1, un performance status ECOG di 0 o 1, un'adeguata funzionalità di organi e midollo e un'aspettativa di vita di almeno 12 settimane.

L'età mediana dei pazienti era di 65 anni ( range, 37-87 anni ). La maggior parte dei pazienti erano maschi ( 68.3% ) e bianchi ( 84.1% ).
Quasi la metà dei pazienti aveva un'istologia a cellule squamose ( 42.9% ).
Non c'era molta differenza tra i pazienti con stadio IIIA e altre malattie con il 45.5% dei pazienti con malattia in stadio IIIA non-resecabile e il 54.5% con malattia in stadio IIIB/C.
Circa un terzo aveva ricevuto in precedenza Cisplatino ( 34.9% ) e la maggior parte dei pazienti è stata assegnata in modo casuale 14 giorni o più dopo la radioterapia ( 89.9% ).
L'espressione tumorale di PD-L1 era disponibile per il 50.0% del braccio di combinazione di Oleclumab, il 51.6% del braccio di combinazione di Monalizumab e il 68.7% del braccio di solo Durvalumab.

I pazienti nel braccio controllo hanno ricevuto 1500 mg di Durvalumab una volta ogni 4 settimane il giorno 1 di ogni ciclo di trattamento.
I pazienti nel braccio A hanno ricevuto 1500 mg di Durvalumab una volta ogni 4 settimane il giorno 1 di ciascun ciclo e 3000 mg di Oleclumab ogni 2 settimane i giorni 1 e 15 per i cicli 1 e 2, quindi una volta ogni 4 settimane a partire dal giorno 1 del ciclo 3.
I pazienti nel braccio B hanno ricevuto 1500 mg di Durvalumab una volta ogni 4 settimane il giorno 1 di ciascun ciclo e 750 mg di Monalizumab ogni 2 settimane i giorni 1 e 15 di ciascun ciclo.
I pazienti sono stati sottoposti a un trattamento per via endovenosa fino a 12 mesi o fino a progressione o a tossicità inaccettabile.

L'endpoint primario era il tasso ORR confermato e gli endpoint secondari includevano la sicurezza, la durata della risposta ( DoR ), il tasso di controllo della malattia ( DCR ), la sopravvivenza libera da progressione secondo la valutazione dello sperimentatore ( RECIST v1.1 ), il tasso di sopravvivenza PFS a 12 mesi e la sopravvivenza globale.

La durata mediana della risposta non è stata raggiunta ( NR ) per nessuno dei trattamenti somministrati.
Il tasso di controllo della malattia a 16 settimane è stato: 81.7% ( IC 95%, 69.6-90.5% ) con Durvalumab più Oleclumab, 77.4% ( IC 95%, 65.0-87.1% ) con Durvalumab più Monalizumab e 58.2% ( IC 95%, 45.5-70.2% ) solo con Durvalumab.

La sopravvivenza senza progressione ha favorito le combinazioni di Oleclumab e Monalizumab rispetto al solo Durvalumab.
La sopravvivenza PFS mediana non è stata raggiunta ( IC 95%, 10.4-non valutabile [ NE ] ) per la combinazione di Oleclumab, 15.1 mesi ( IC 95%, 13.6-NE ) ​​per la combinazione di Monalizumab e 6.3 mesi ( IC 95%, 3.7-11.2 ) per Durvalumab da solo.
Il tasso di sopravvivenza PFS a 12 mesi è stato del 62.6% ( IC 95%, 48.1-74.2% ) per il gruppo Oleclumab, 72.7% ( IC 95%, 58.8-82.6% ) per il gruppo Monalizumab e 33.9% ( IC 95%, 21.2-47.1% ) per Durvalumab da solo.

Non sono state riscontrate molte differenze tra i pazienti nei diversi regimi terapeutici in termini di risposte complete ( CR ), risposte parziali ( PR ), malattia stabile ( SD ) o malattia progressiva ( PD ).
Un paziente ( 1.8% ) nel braccio A, 3 pazienti ( 4.8% ) nel braccio B e 2 pazienti ( 3% ) nel braccio di controllo hanno manifestato una risposta completa.
Le risposte parziali si sono avute in 17 pazienti ( 28.3% ) nel braccio A, 19 pazienti ( 30.6% ) nel braccio B e 10 pazienti ( 14.9% ) nel braccio controllo.
Malattia stabile è stata osservata in 32 pazienti ( 53.3% ) nel braccio A, 31 pazienti ( 50% ) nel braccio B e 37 pazienti ( 55.2% ) nel braccio controllo.
La malattia di Parkinson è stata riscontrata in 6 pazienti ( 10% ) nel braccio A, 4 pazienti ( 6.5% ) nel braccio B e in 11 pazienti ( 16.4% ) nel braccio controllo.

I profili di sicurezza erano simili in tutti i trattamenti. Gli eventi avversi di qualsiasi grado più comuni nel braccio A, nel braccio B e nel braccio di controllo sono stati: polmonite ( 20.3%, 18% e 18.2%, rispettivamente ), rash ( 20.3%, 23% e 9.1% ) ed eventi ipotiroidei ( 15.3%, 19.7% e 15.2% ).
Eventi avversi di grado 3/4 si sono verificati in 21 pazienti ( 35.6% ) nel gruppo Oleclumab, 16 pazienti ( 26.2% ) nel gruppo Monalizumab e in 23 pazienti ( 34.8% ) nel gruppo Durvalumab da solo.
Gli eventi avversi più comuni di grado 3/4 sono stati: tosse ( rispettivamente 1.7%, 0% e 0% ), dispnea ( rispettivamente 1.7%, 1.6% e 3% ) e polmonite ( 6.8%, 1.6% e 9.1 % ).
Gli eventi avversi emergenti dal trattamento hanno portato all'interruzione del trattamento in 9 pazienti ( 15.3% ) nel braccio A, 9 pazienti ( 14.8% ) nel braccio B e 11 pazienti ( 16.7% ) nel braccio di controllo.

Quattro decessi sono stati correlati al farmaco in studio: 1 nel braccio Durvalumab più Oleclumab, 1 nel braccio Durvalumab più Monalizumab e 2 ( polmonite e polmonite da radiazioni ) nel braccio Durvalumab.

Questi risultati, che hanno mostrato il beneficio clinico di Oleclumab o Monalizumab aggiunti a Durvalumab rispetto a Durvalumab da soli, supportano un'ulteriore valutazione di queste combinazioni nel più ampio studio PACIFIC-9. ( Xagena2022 )

Fonte: Journal of Clinical Oncology, 2022

Pneumo2022 Onco2022 Farma2022


Indietro