Novartis
Lung Unit
Roche Oncologia
BMS

Lenvatinib più Pembrolizumab nei pazienti con carcinoma a cellule renali avanzato, tumore endometriale e altri tumori solidi avanzati selezionati


La modulazione della soppressione immunitaria mediata dal fattore di crescita dell'endotelio vascolare attraverso l'inibizione dell'angiogenesi può aumentare l'attività degli inibitori del checkpoint immunitario.

Sono stati riportati i risultati di uno studio di fase Ib/II del rilevamento della dose ed espansione iniziale di fase II su Lenvatinib ( Lenvima ) più Pembrolizumab ( Keytruda ) nei pazienti con tumori solidi avanzati selezionati.

I pazienti eleggibili presentavano carcinoma a cellule renali ( RCC ) metastatico, carcinoma endometriale, carcinoma a cellule squamose della testa e del collo ( SCCHN ), melanoma, carcinoma polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) o carcinoma uroteliale.

L'obiettivo primario della fase Ib era determinare la dose massima tollerata ( MTD ) per Lenvatinib più Pembrolizumab ( 200 mg per via endovenosa ogni 3 settimane ).
Nell'espansione di coorte di fase II pre-pianificata, l'obiettivo primario era il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) alla settimana 24 alla dose raccomandata di fase II.

Complessivamente, 137 pazienti sono stati arruolati durante la fase Ib ( n=13 ) e l'espansione iniziale della fase II ( n=124 ).

Sono stati riportati due livelli di tossicità dose-limitanti ( DLT; artralgia di grado 3 e affaticamento di grado 3 ) nel livello di dose iniziale ( Lenvatinib 24 mg/die più Pembrolizumab ).

Non sono state osservate tossicità dose-limitanti nella successiva coorte di de-escalation; questo ha permesso di stabilire la dose massima tollerata e la dose raccomandata di fase II per Lenvatinib a 20 mg/die più Pembrolizumab.

Il tasso ORR alla settimana 24 è stato il seguente: RCC, 63% ( 19/30 ); tumore dell'endometrio, 52% ( 12/23 ); melanoma, 48% ( 10/21 ); tumore SCCHN, 36% ( 8/22 ); tumore NSCLC, 33% ( 7/21 ); e tumore uroteliale del 25% ( 5/20 ).

Gli eventi avversi più comuni correlati al trattamento sono stati: affaticamento ( 58% ), diarrea ( 52% ), ipertensione ( 47% ) e ipotiroidismo ( 42% ).

Lenvatinib più Pembrolizumab ha dimostrato un profilo di sicurezza gestibile e una promettente attività antitumorale nei pazienti con tipi di tumore solido selezionati. ( Xagena2020 )

Taylor MH et al, J Clin Oncol 2020; 38: 1154-1163

Onco2020 Farma2020


Indietro