Natera Banner
Bayer Banner
Gilead Banner
Tumore prostata

Nirogacestat, un inibitore della gamma-secretasi per i tumori desmoidi


I tumori desmoidi sono tumori dei tessuti molli, rari, localmente aggressivi e altamente ricorrenti senza trattamenti approvati.

È stato condotto uno studio di fase 3, internazionale, in doppio cieco, randomizzato, controllato con placebo di Nirogacestat negli adulti con tumori desmoidi in progressione secondo i criteri RECIST di valutazione della risposta nei tumori solidi, versione 1.1.

I pazienti sono stati assegnati a ricevere l'inibitore orale della gamma-secretasi Nirogacestat ( 150 mg ) o il placebo due volte al giorno. L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione.

Da maggio 2019 ad agosto 2020, in totale 70 pazienti sono stati assegnati a ricevere Nirogacestat e 72 a ricevere placebo. Nirogacestat ha mostrato un vantaggio significativo in termini di sopravvivenza libera da progressione rispetto al placebo ( hazard ratio per progressione della malattia o decesso, 0.29; P minore di 0.001 ); la probabilità di essere liberi da eventi a 2 anni è stata del 76% con Nirogacestat e del 44% con placebo.

Le differenze tra i gruppi nella sopravvivenza libera da progressione sono state coerenti tra i sottogruppi prespecificati.

La percentuale di pazienti che hanno avuto una risposta obiettiva è stata significativamente più alta con Nirogacestat che con placebo ( 41% vs 8%; P minore di 0.001 ), con un tempo mediano alla risposta di 5.6 mesi e 11.1 mesi, rispettivamente; la percentuale di pazienti con una risposta completa è stata rispettivamente del 7% e dello 0%.

Sono state osservate differenze significative tra i gruppi negli esiti secondari riportati dai pazienti, tra cui dolore, carico di sintomi, funzionamento fisico o di ruolo e qualità della vita correlata alla salute ( P minore o uguale a 0.01 ).

Gli eventi avversi frequenti con Nirogacestat includevano diarrea ( nell'84% dei pazienti ), nausea ( nel 54% ), affaticamento ( nel 51% ), ipofosfatemia ( nel 42% ) e rash maculopapulare ( nel 32% ); il 95% degli eventi avversi era di grado 1 o 2.

Tra le donne in età fertile trattate con Nirogacestat, 27 su 36 ( 75% ) hanno avuto eventi avversi coerenti con disfunzione ovarica, che si sono risolti in 20 donne ( 74% ).

Nirogacestat è stato associato a benefici significativi per quanto riguarda la sopravvivenza libera da progressione, la risposta obiettiva, il dolore, il carico dei sintomi, il funzionamento fisico, il funzionamento del ruolo e la qualità della vita correlata alla salute negli adulti con tumori desmoidi in progressione. Gli eventi avversi con Nirogacestat sono stati frequenti ma per lo più di basso grado. ( Xagena2023 )

Gounder M et al, N Engl J Med 2023; 388: 898-912

Onco2023 MalRar2023 Med2023 Farma2023



Indietro