BMS
Lung Unit
Novartis
ForumOncologico

Nivolumab + Ipilimumab versus chemioterapia con doppietta a base di Platino come trattamento di prima linea per il carcinoma polmonare avanzato non-a-piccole cellule: aggiornamento a 3 anni da CheckMate 227 Parte 1


Nello studio di fase 3 CheckMate 227 Parte 1 ( follow-up minimo, 29.3 mesi ), il trattamento di prima linea con Nivolumab ( Opdivo ) + Ipilimumab ( Yervoy ) ha migliorato significativamente la sopravvivenza globale ( OS ) rispetto alla chemioterapia nei pazienti naive-al-trattamento con carcinoma al polmone non-a-piccole cellule in fase avanzata ( aNSCLC ) ed espressione di PD-L1 maggiore o uguale all'1% ( analisi primaria ) o inferiore all'1% ( analisi descrittiva predefinita ).

I ricercatori hanno riportato i dati con un follow-up minimo di 3 anni.

I pazienti con carcinoma NSCLC in stadio IV / ricorrente, ed espressione di PD-L1 maggiore o uguale all'1% ( n=1189 ) sono stati randomizzati in un rapporto 1:1:1 a Nivolumab ( 3 mg/kg Q2W [ una volta ogni 2 settimane ] ) + Ipilimumab (1 mg/kg Q6W [ una volta ogni 6 settimane ] ), Nivolumab ( 240 mg Q2W ) da solo o chemioterapia.

I pazienti con PD-L1 inferiore all'1% ( n = 550 ) sono stati randomizzati a Nivolumab + Ipilimumab, Nivolumab ( 360 mg Q3W ) + chemioterapia, oppure sola chemioterapia.

L'endpoint primario era la sopravvivenza globale con Nivolumab + Ipilimumab versus chemioterapia nei pazienti con PD-L1 maggiore o uguale all'1%.
È stata condotta una analisi esplorativa della sopravvivenza globale nei pazienti per stato di risposta ( CR [ risposta completa ] / PR [ risposta parziale ] ), malattia stabile [ SD ], malattia progressiva [ PD ] ) a 6 mesi. Dopo un follow-up mediano di 43.1 mesi ( blocco del database, 28 febbraio 2020 ), i pazienti con PD-L1 maggiore o uguale all'1% hanno continuato a trarre beneficio riguardo alla sopravvivenza globale dalla combinazione Nivolumab + Ipilimumab versus chemioterapia ( hazard ratio, HR = 0.79; IC 95%, 0.67-0.93 ); il tasso di sopravvivenza globale a 3 anni è stato del 33% ( Nivolumab + Ipilimumab ), 29% ( Nivolumab ) e 22% ( chemioterapia ).

A 3 anni, il 18% dei pazienti con PD-L1 maggiore o uguale all'1% trattati con Nivolumab + Ipilimumab è rimasto libero da progressione rispetto al 12% con Nivolumab e al 4% con chemioterapia; il 38% dei pazienti con risposta confermata è rimasto responder nel braccio Nivolumab + Ipilimumab contro il 32% nel braccio Nivolumab e il 4% nel braccio chemioterapico.

Nei pazienti con PD-L1 inferiore all'1%, l'hazard ratio della sopravvivenza globale per Nivolumab + Ipilimumab versus chemioterapia era 0.64 ( IC 95%, 0.51-0.81 ); i tassi di sopravvivenza globale a 3 anni sono stati del 34% ( Nivolumab + Ipilimumab ), 20% ( Nivolumab + chemioterapia ) e 15% ( chemioterapia ); il 13%, l'8% e il 2% dei pazienti sono rimasti liberi da progressione; e il 34%, il 15% e lo 0% dei partecipanti confermati sono rimasti rispettivamente responder.

I pazienti con PD-L1 maggiore o uguale all'1% con risposta CR/PR a 6 mesi avevano una sopravvivenza globale successiva più lunga con Nivolumab + Ipilimumab versus chemioterapia; i pazienti con malattia stabile o malattia progressiva a 6 mesi avevano generalmente una sopravvivenza globale successiva simile tra i trattamenti.

Nel 77% - 33% di tutti i pazienti trattati con Nivolumab + Ipilimumab e nell'82% - 36% con chemioterapia sono stati osservati effetti avversi di qualsiasi grado / grado 3-4.

In conclusione, con un follow-up minimo di 3 anni, Nivolumab + Ipilimumab ha continuato a fornire benefici riguardo alla sopravvivenza globale, a lungo termine e durevoli, rispetto alla chemioterapia, come trattamento di prima linea, per i pazienti con carcinoma al polmone non-a-piccole cellule in fase avanzata.
I pazienti con PD-L1 maggiore o uguale all'1% che hanno raggiunto risposta completa o risposta parziale a 6 mesi hanno mostrato un beneficio di sopravvivenza globale con la combinazione Nivolumab e Ipilimumab versus chemioterapia.
Non sono stati identificati nuovi segnali di sicurezza per Nivolumab + Ipilimumab. ( Xagena )

Fonte: American Society of Clinical Oncology ( ASCO ) Virtual Meeting, 2020

Pneumo2020 Onco2020 Farma2020


Indietro