Natera Banner
Gilead Banner
Bayer Banner
Tumore prostata

Nivolumab più Ipilimumab versus Nivolumab da solo nei tumori avanzati diversi dal melanoma


Sebbene la combinazione di Nivolumab ( Opdivo ) più Ipilimumab ( Yervoy ) abbia indiscutibili benefici rispetto alla monoterapia con Nivolumab nel melanoma avanzato, attualmente nessuna analisi sommativa ha confrontato la combinazione con Nivolumab in monoterapia per tumori avanzati diversi dal melanoma.

Si è valutato se l'aggiunta di Ipilimumab a Nivolumab a dose standard migliori in modo sicuro gli esiti clinici nei pazienti con tumori avanzati diversi dal melanoma.

Nei database elettronici sono stati ricercati sistematicamente studi su Nivolumab a dose standard più Ipilimumab rispetto a Nivolumab da solo nel trattamento di tumori avanzati diversi dal melanoma pubblicati dall'inizio del database a ottobre 2022.

In tutto 8 studi ( pazienti totali, 1.727; gruppo Nivolumab più Ipilimumab, 854; gruppo Nivolumab in monoterapia, 873 ) hanno soddisfatto i criteri di selezione.

I pazienti avevano tumore polmonare a cellule squamose, tumore polmonare non-a-piccole cellule con livello di PD-L1 pari o superiore all'1%, tumore polmonare a piccole cellule, mesotelioma pleurico, carcinoma uroteliale, carcinoma esofagogastrico, sarcoma o glioblastoma multiforme.

Per confrontare gli esiti di sopravvivenza globale ( OS ) e di sopravvivenza libera da progressione ( PFS ), la stima degli hazard ratio ( HR ) è stata inizialmente eseguita per sopravvivenza globale e sopravvivenza libera da progressione di ciascuno studio incluso sulla base delle statistiche riassuntive estratte dalle singole curve di Kaplan-Meier.

Il trattamento con Nivolumab più Ipilimumab non è stato associato a un miglioramento della sopravvivenza globale rispetto al trattamento con Nivolumab da solo ( hazard ratio aggregato, aHR=0.95; P=0.36 ), con 4 degli 8 studi che hanno presentato una sopravvivenza globale mediana numericamente inferiore con la combinazione.

La terapia di combinazione con Nivolumab più Ipilimumab è stata associata a un miglioramento marginale, ma non clinicamente significativo, della sopravvivenza libera da progressione rispetto a Nivolumab da solo ( aHR=0.88; P=0.02 ).

La combinazione è stata associata a sostanzialmente più elevati livelli di eventi avversi di grado da 3 a 4 correlati al trattamento ( odds ratio aggregato, aOR=1.84; P minore di 0.001 ) e interruzioni correlate al trattamento ( aOR=1.96; P minore di 0.001 ).

Questo risultato è stato ricapitolato in meta-analisi di singoli eventi avversi di grado 3-4 di epatotossicità, tossicità gastrointestinale, polmonite, disfunzione endocrina, dermatite, affaticamento.

In questa meta-analisi di 8 tumori avanzati diversi dal melanoma, le differenze rilevate nella sopravvivenza globale e nella sopravvivenza libera da progressione tra Nivolumab più Ipilimumab e Nivolumab non sono state clinicamente significative ( anche se è stata rilevata una significatività statistica nella sopravvivenza libera da progressione ).

La tossicità di grado superiore correlata al trattamento e le interruzioni del trattamento sono state sostanzialmente più elevate con la terapia di combinazione.

I dati hanno indicato che gli studi sulle terapie anti-PD-1 più terapie anti-CTLA-4 in qualsiasi tumore avanzato non-melanoma dovrebbero essere condotti insieme alla monoterapia anti-PD-1 per garantire che l'effetto dell'aggiunta di anti-CTLA-4 all'anti-PD-1 possa essere chiaramente stabilito per quel tumore e per quel setting, e si può evitare un'inutile inibizione della proteina CTLA-4 con i relativi effetti tossici ( sia clinici che finanziari ). ( Xagena2023 )

Serritella AV et al, JAMA Oncol 2023; 9: 1441-1446

Onco2023 Farma2023



Indietro