San Raffaele Urologic Oncology Retreat
Gilead Banner
Natera Banner
Bayer Banner

Olanzapina per l'anoressia correlata alla chemioterapia nei pazienti con carcinoma gastrico, epatopancreaticobiliare e polmonare localmente avanzato o metastatico


L'anoressia si verifica nel 30-80% dei pazienti con tumori maligni avanzati, e può peggiorare con la chemioterapia.
È stata valutata l'efficacia dell'Olanzapina ( Zyprexa ) nello stimolare l'appetito e migliorare l'aumento di peso nei pazienti sottoposti a chemioterapia.

Adulti di età maggiore o uguale a 18 anni con tumori gastrici, epatopancreaticobiliari ( HPB ) e polmonari non-trattati, localmente avanzati o metastatici sono stati assegnati in modo casuale, in doppio cieco, a ricevere Olanzapina ( 2.5 mg una volta al giorno per 12 settimane ) oppure placebo insieme alla chemioterapia.

Entrambi i gruppi hanno ricevuto una valutazione nutrizionale standard e consigli dietetici.

Gli esiti primari erano la proporzione dei pazienti con aumento di peso superiore al 5% e il miglioramento dell'appetito ( valutato dalla scala analogica visiva [ VAS ] e dal Functional Assessment of Chronic Illness Therapy system of Quality-of-Life questionnaires Anorexia Cachexia subscale [ FAACT ACS ] ).
Gli endpoint secondari erano il cambiamento dello stato nutrizionale, la qualità di vita ( QOL ) e la tossicità della chemioterapia.

Sono stati arruolati 124 pazienti ( Olanzapina, 63 e placebo, 61 ) con un'età mediana di 55 anni, di cui 112 ( Olanzapina, 58 e placebo, 54 ) erano analizzabili.
La maggioranza ( n=99, 80% ) aveva un tumore metastatico ( gastrico n=68, 55%; polmonare n=43, 35%; epatopancreaticobiliare n=13, 10% ).

Il braccio Olanzapina ha avuto una percentuale maggiore di pazienti con un aumento di peso superiore al 5% ( 35 su 58, 60%, vs 5 su 54, 9%, P minore di 0.001 ) e miglioramento dell'appetito secondo VAS ( 25 su 58, 43%, vs 7 su 54, 13%, P minore di 0.001 ) e FAACT ACS ( punteggi superiori o uguali a 37:13 su 58, 22%, vs 2 su 54, 4%, P=0.004 ).

I pazienti trattati con Olanzapina avevano migliore qualità di vita, stato nutrizionale e minore chemiotossicità. Gli effetti collaterali attribuibili all'Olanzapina sono stati minimi.

Olanzapina giornaliera a basso dosaggio è un intervento semplice, poco costoso e ben tollerato che migliora significativamente l'appetito e l'aumento di peso nei pazienti di nuova diagnosi sottoposti a chemioterapia. ( Xagena2023 )

Sandhya L et al, J Clin Oncol 2023; 41: 2617-2627

Onco2023 Farma2023



Indietro