Bayer Banner
Gilead Banner
Natera Banner
Tumore prostata

Radioterapia protonica FLASH per il trattamento delle metastasi ossee sintomatiche: studio FAST-01


Ad oggi non ci sono studi clinici di radioterapia a dosi ultra elevate erogate a più di 40 Gy/sec, nota come terapia FLASH, né c’è stato il primo utilizzo nell'uomo di FLASH protonica.

È stata valutata la fattibilità del flusso di lavoro clinico e gli effetti tossici correlati al trattamento di FLASH e il sollievo dal dolore nei siti di trattamento.

Nello studio non-randomizzato FAST-01, i partecipanti trattati presso il Cincinnati Children's / UC Health Proton Therapy Center sono stati sottoposti a radioterapia FLASH palliativa per metastasi ossee alle estremità.
Erano ammissibili i pazienti di età pari o superiore a 18 anni con da 1 a 3 metastasi ossee dolorose alle estremità e un'aspettativa di vita di 2 mesi o più.

I pazienti sono stati esclusi se avevano metastasi ai piedi, alle mani e ai polsi; metastasi trattate localmente nelle 2 settimane precedenti; impianti metallici nel campo del trattamento; radiosensibilità tissutale potenziata nota; e dispositivi impiantati a rischio di malfunzionamento con la radioterapia.
Uno degli 11 pazienti che hanno acconsentito è stato escluso in base all'idoneità.

Gli endpoint sono stati valutati 3 mesi dopo il trattamento e i pazienti sono stati seguiti fino alla morte o alla perdita al follow-up per effetti tossici e valutazioni del dolore.
Dei 10 pazienti inclusi, 2 sono deceduti dopo il follow-up di 2 mesi ma prima del follow-up di 3 mesi; 8 partecipanti hanno completato la valutazione a 3 mesi.

I dati sono stati raccolti nel periodo 2020-2022 e analizzati da gennaio a settembre 2022.

Le metastasi ossee sono state trattate con un sistema di radioterapia protonica abilitato FLASH ( 40 o più Gy/sec ) utilizzando un fascio di protoni a trasmissione singola. Ciò è coerente con lo standard di cura che utilizza la stessa prescrizione ( 8 Gy in una singola frazione ) ma su un sistema di radioterapia fotonica a velocità di dose convenzionale ( circa 0.03 Gy/sec ).

Gli esiti principali includevano il tempo trascorso dal paziente sul lettino del trattamento, i ritardi del trattamento correlati al dispositivo, gli eventi avversi correlati a FLASH, i punteggi del dolore riportati dal paziente e l'uso di analgesici.

In totale 10 pazienti ( fascia di età, 27-81 anni, età media, 63 anni; 5 maschi, 50% ) sono stati sottoposti a radioterapia FLASH in 12 siti metastatici.
Non ci sono stati problemi tecnici o ritardi relativi a FLASH.

Il tempo medio sul lettino di trattamento è stato di 18.9 minuti per paziente e di 15.8 minuti per sito di trattamento.

Il follow-up mediano è stato di 4.8 mesi.

Gli eventi avversi sono stati lievi e coerenti con la radioterapia convenzionale.

Riacutizzazioni dolorose transitorie si sono verificate in 4 dei 12 siti trattati ( 33% ).
In 8 dei 12 siti ( 67% ) i pazienti hanno riportato sollievo dal dolore e in 6 dei 12 siti ( 50% ) i pazienti hanno riportato una risposta completa ( nessun dolore ).

In questo studio non-randomizzato, le misurazioni del flusso di lavoro clinico, l'efficacia del trattamento e i dati sulla sicurezza hanno dimostrato che la radioterapia FLASH protonica a dosi ultra elevate era clinicamente fattibile.

L'efficacia del trattamento e il profilo degli eventi avversi sono stati paragonabili a quelli della radioterapia standard. ( Xagena2023 )

Mascia AE et al, JAMA Oncol 2023; 9: 62-69

Onco2023



Indietro