Natera Banner
Gilead Banner
Bayer Banner
Tumore prostata

Terapia antitumorale sistemica ed esiti tromboembolici nei pazienti ospedalizzati con tumore e COVID-19


Mancano dati sistematici sull’associazione tra terapie antitumorali ed eventi tromboembolici ( TEE ) nei pazienti con COVID-19.

È stata valutata l'associazione tra l'esposizione alla terapia antitumorale entro 3 mesi prima del COVID-19 ed eventi tromboembolici successivi alla diagnosi di COVID-19 nei pazienti affetti da tumore.

Uno studio di coorte retrospettivo basato sul registro ha incluso pazienti ricoverati in ospedale e affetti da tumore attivo e infezione da SARS-CoV-2 confermata in laboratorio.
I dati sono stati accumulati da marzo 2020 a dicembre 2021 e analizzati da dicembre 2021 a ottobre 2022.

I pazienti erano stati esposti a trattamenti di interesse ( TOI ) ( terapia endocrina, inibitori del fattore di crescita dell'endotelio vascolare / inibitori della tirosina chinasi [ VEGFi/TKI ], immunomodulatori IMiD, inibitori del checkpoint immunitario [ ICI ], chemioterapia ) rispetto al riferimento ( nessuna terapia sistemica ) nel corso di 3 mesi prima di COVID-19.

Gli esiti principali erano tromboembolia venosa ( VTE ) e tromboembolia arteriosa ( ATE ). L’esito secondario era la gravità di COVID-19 ( tassi di ricovero in Unità di terapia intensiva, ventilazione meccanica, mortalità per tutte le cause a 30 giorni in seguito a eventi tromboembolici nei pazienti esposti a trattamenti di interesse rispetto al gruppo di riferimento ) al follow-up a 30 giorni.

Dei 4.988 pazienti ospedalizzati con tumore ( età mediana, 69 anni; 2.608 maschi, 52% ), 1.869 avevano ricevuto uno o più trattamenti di interesse.

L'incidenza di tromboembolia venosa è risultata maggiore in tutti i gruppi di trattamenti di interesse: terapia endocrina, 7%; inibitori del fattore di crescita dell'endotelio vascolare / inibitori della tirosina chinasi, 10%; immunomodulatori, 8%; inibitori del checkpoint immunitario, 12%; chemioterapia, 10%, rispetto ai pazienti che non ricevevano terapie sistemiche ( 6% ).

Nelle analisi di regressione log-binomiale multivariata, il rischio relativo di tromboembolia venosa ( risk ratio aggiustato aRR, 1.33 ) ma non di tromboembolia arteriosa ( aRR, 0.81 ) è risultato significativamente più alto nelle persone esposte a tutti i trattamenti di interesse raggruppati insieme, rispetto a quelli senza esposizione.

Tra i singoli farmaci, gli inibitori del checkpoint immunitario sono risultati significativamente associati a tromboembolia venosa ( aRR=1.45 ).
Sono state inoltre rilevate associazioni significative tra tromboembolia venosa e tumore attivo e in progressione ( aRR=1.43 ), storia di tromboembolia venosa ( aRR=3.10 ) e sede del tumore ad alto rischio ( aRR=1.42 ).

I pazienti neri hanno avuto un rischio più elevato di eventi tromboembolici ( aRR=1.24 ) rispetto ai pazienti bianchi.

I pazienti con eventi tromboembolici hanno avuto tassi elevati di ricovero in Unità di terapia intensiva ( 46% ) e di ventilazione meccanica ( 31% ).

Il rischio relativo di morte nei pazienti con eventi tromboembolici è stato più alto in quelli esposti a trattamenti di interesse rispetto a quelli non-esposti ( aRR=1.12 ) ed è risultato significativamente associato a uno scarsus performance status ( aRR=1.77 ) e tumore attivo / in progressione ( aRR=1.55 ).

In questo studio di coorte, il rischio relativo di sviluppare tromboembolia venosa è risultato elevato tra i pazienti trattati con trattamenti di interesse e variava in base al tipo di terapia, ai fattori di rischio sottostanti e ai dati demografici, come l’etnia.

Questi risultati hanno evidenziato la necessità di un attento monitoraggio e forse di una tromboprofilassi personalizzata per prevenire la morbilità e la mortalità associate al tromboembolismo correlato a COVID-19 nei pazienti affetti da tumore. ( Xagena2023 )

Gulati S et al, JAMA Oncol 2023; 9: 1390-1400

Inf2023 Onco2023 Emo2023



Indietro